Salvami. O uccidimi.

Fondamentalmente tutto bene.
Lo ripeto,lo dico sorridendo. A volte ci credo anche.
Ma un secondo. La tempesta,il mare,le lacrime,il cuore che esplode , il vuoto che mi brucia dentro.
Come può il mare bruciare,come può il sole fare annegare?
Un secondo e tutto cambia,sento il mondo che barcolla. Ci sono dentro ed inevitabilmente lo faccio anch’io .  Ci provo,a impuntarmi,a rimanere salda . ideali, progetti ,sogni. Davvero dovrei credere in qualcosa mentre intorno a me tutto crolla? Come posso?
Come faccio a lottare per qualcosa che un attimo dopo,inevitabilmente cambia?
Come posso sognare quello che un secondo dopo cessa di esistere ?
E ci voglio credere,io giuro che voglio farlo.
Ma non ci riesco.
Forse ho dovuto essere forte per troppo tempo ed ora mi sto facendo abbattere troppo facilmente. Non lo so.
E intanto mi lascio logorare, intanto annego senza potermi aggrappare. Forse sono io, che sto vedendo tutto distruggersi,forse sono io che non lo so,non ho !a forza di combatterlo. Ma come si combatte il nulla? Come si sconfigge un terremoto se ci sei dentro? Qualunque cosa che afferrerai tremerá con te e quello che sembrava la tua salvezza ti si rivolgerà contro e tenterà di ucciderti.
Forse dovrei solo fermarmi, lasciare che lentamente mi distrugga perché tanto non cambierà nulla provarci anzi, sembra rendere tutto ancora più terribile ed umiliante . E straziante.
Si,forse è questo.
Devo solo lasciarmi tirare giù, devo solo aspettare il colpo di grazia sperando che arrivi presto.

image

Annunci